Smartworking: la pandemia sta cambiando il mercato del lavoro

MILANO -

Il corona virus è pandemia: l'Organizzazione Mondiale della sanità ha alzato ancora di più il livello di guardia e il mercato del lavoro italiano sta subendo colpi durissimi.

Uno dei settori che risentiranno maggiormente dell’epidemia è certamente il turismo, che fino a poche settimane fa era rimasto una delle poche attività ad alta occupazione soprattutto in alcune aree del nostro Paese. Si è stimato che sul turismo si concentra il 15/20% dell'occupazione totale italiana, per una stima di 6/8 milioni di addetti divisi tra ristorazione, servizi ricettivi, servizi culturali e occupati della filiera turistica "Made in Italy". La stagione estiva subirà inevitabilmente un contraccolpo negativo, in quanto il periodo di stasi è previsto che durerà qualche mese, e non solo in Italia, e passato il pericolo "medico" dovremo affrontare quello "psicologico".

Appena la pandemia sarà terminata, sarà pertanto necessario un piano straordinario di ricollocazione delle forze lavoro e di rilancio dei settori maggiormente in crisi, futuro che dovrà fare inevitabilmente i conti con la diffusione dello smart working.

Si ritiene che al termine della pandemia questa modalità sarà ormai talmente avanzata e conveniente che molto difficilmente si riuscirà a tornare indietro. In pochi giorni, la fase di recruiting in particolare, è stata rivoluzionata: al candidato viene inviato un link per auto-somministrarsi strumenti come “Talent insight” o “Profile xt”, mentre per il colloquio di lavoro effettivo viene utilizzato Skype.

Ovviamente non tutte le attività hanno ancora competenze e risorse per l'utilizzo dei canali digitali nella totalità della loro organizzazione (oppure troveranno ancora più adatti a loro i canali tradizionali),tuttavia questa emergenza potrebbe anche costituire un’opportunità per la formazione di nuove figure professionali che diventino una sorta di "Dote/voucher di sapere digitale" affinché questi modelli diventino sistemici su tutto il territorio nazionale.

RED
Ricerca in corso...