Riforma Irpef: slittamento al 2022 e le novità per il 2021

MILANO -

Il Governo sta lavorando alla riforma Irpef 2021 con l’obiettivo di rendere il fisco più equo e far pagare meno tasse al ceto medio (i contribuenti con reddito fino a 40mila euro) e alle famiglie.
Tuttavia, il Ministero dell’Economia ha reso noto che, a causa della mancanza di risorse e delle tensioni fra le forze al Governo, la riforma Irpef slitterà al 2022.

Per il 2021 il Ministero dell’Economia ha confermato l’aumento del taglio del cuneo fiscale sui redditi da lavoro dipendente fino a 40mila euro. Per sostenere le famiglie, invece, sarà avviata l’operazione assegno unico sui figli. La misura prevede un l’assegnazione di un assegno mensile per ogni figlio fino a 21 anni il cui importo sarà modulato in base all'Isee.

Infine, per l’anno prossimo sarà impostata anche la riforma delle pensioni che dovrà sostituire Quota 100, in scadenza il 31 dicembre 2021.

RED
Ricerca in corso...