Coronavirus, lavoratori autonomi categoria a rischio?

MILANO -

Le conseguenze e i rischi del l'epidemia di Covid19 hanno un impatto molto forte sui lavoratori autonomi e partite Iva.

Nei rapporti di lavoro autonomo il rischio di non poter svolgere la prestazione viene assunto dal lavoratore, anche in caso di malattia. Lo Statuto del lavoro autonomo (legge n. 81/2017) prevede però che in caso di malattia l'esecuzione del lavoro possa essere sospesa su richiesta del lavoratore, senza diritto al corrispettivo e per un massimo di 150 giorni, salvo che il committente provi di non avere interesse alla continuazione del rapporto.

Ovviamente anche per i lavoratori autonomi c'è la possibilità di avvalersi dello smart working, con modalità di realizzazione anche più semplici rispetto ai lavoratori dipendenti. Se al committente viene proposta questa modalità lavorativa, in caso di rifiuto da parte di quest'ultimo, il compenso al lavoratore autonomo deve essere comunque erogato.

RED
Ricerca in corso...