Bonus PubblicitĂ : le modifiche del Decreto Rilancio

MILANO -

Il  modello per fare richiesta del Bonus Pubblicità, ovvero il credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari, è stato recentemente aggiornato in base alle novità introdotte dal decreto Rilancio.  

Il bonus, destinato a imprese, lavoratori autonomi ed enti non commerciali sarà concesso con limite di 40 milioni di euro per investimenti sui giornali quotidiani e periodici (anche online) e di 20 milioni di euro per investimenti sulle emittenti televisive e radiofoniche locali e nazionali, analogiche o digitali anche non statali.

Il decreto Rilancio prevede inoltre che il bonus copra il 50% della spesa effettuata nell’anno e che non è necessario aver investito la stessa somma nell’anno precedente sugli stessi mezzi di informazione.

Le domande presentate prima dell’introduzione delle modifiche (inviate tra il 1° e il 31 marzo scorsi) saranno considerate valide e il credito d’imposta ricalcolato secondo i nuovi criteri. Tuttavia, è possibile sostituire la precedente comunicazione inviandone una nuova a settembre.  

Infine, il dipartimento per l’Informazione e l’Editoria riconoscerà ai beneficiari il credito d’imposta che sarà utilizzabile in compensazione dal quinto giorno lavorativo successivo alla pubblicazione online sul sito ufficiale, tramite modello F24.

RED
Ricerca in corso...