Alternanza scuola-lavoro: incentivi alle aziende che ospitano gli studentii

MILANO -

L’impegno delle aziende e dei liberi professionisti che ospitano studenti in alternanza (e che quindi investono - o dovrebbero - risorse al fine di avviare i ragazzi al mondo del lavoro),viene riconosciuto dall'amministrazione pubblica che ha confermato i contributi statali per le imprese ospitanti.

Da quest’anno la novità è che oltre alle imprese potranno ospitare studenti in alternanza scuola-lavoro anche i liberi professionisti iscritti ad Ordini e Collegi professionali.  

I contributi sono proporzionati alla durata dello stage: si parte da un minimo di 600 euro per percorsi di almeno due settimane; 700 euro per percorsi di almeno tre settimane fino a 800 euro per stage della durata di quattro settimane; per un massimo complessivo di 4.000 euro di contributo.

Incentivi aggiuntivi sono previsti nel caso in cui l’impresa sia in possesso del rating di legalità (le verrà riconosciuto un aumento del 10% del contributo riconoscibile) e nel caso in cui l’azienda collochi studenti diversamente abili (le sarà riconosciuto un ulteriore importo una tantum di 200 euro).

È possibile consultare il testo del bando sul sito istituzionale della Camera di commercio al seguente link: https://www.pc.camcom.it/promozione/contributi-alle-imprese/bando-per-lattivazione-di-percorsi-di-alternanza-scuola-lavoro mentre, per informazioni, il riferimento è l’Ufficio Promozione della Camera di commercio: promozione@pc.camcom.it.

RED
Ricerca in corso...